Autore Topic: UN PO DI TREKKING (itinerari nel Delta)  (Letto 13290 volte)

Offline roy8

  • User pescainkayak.com
  • *
  • Post: 705
  • ELITE 4.5 - tribord RK 500 - EXO SWING -GENOVA
Re:UN PO DI TREKKING (un giorno nel Delta )
« Risposta #20 il: Aprile 03, 2012, 09:24:32 am »
Che FIGATA passare col kayak dentro le case allagate (lo sò che è meglio la pura natura,ma la particolarità dell'immagine è molto attraente ,da vero RICERCATORE ).
Mi immagino che attenzione ad non urtare,appunto col il kayak di quasi 5 metri in mezzo a quei corridoi  ;D

Offline andreaformaggi

  • pescainkayak.com user
  • Post: 1.424
  • PESCATORE da ZUPPA
Re:UN PO DI TREKKING (un giorno nel Delta )
« Risposta #21 il: Giugno 04, 2013, 19:34:47 pm »
                              SPAGHETTI CON LE VONGOLE
                                    (un'altro Po' di trekking)


La Sacca di Goro a causa :
- della sua conformazione geografica , (situata tra le foci del Po di Volano e di Goro, separata dal mare dallo scannone e chiusa a nord dall'argine del Po)
- del fenomeno della subsidenza  (il terreno in questa zona si abbassa in media di 1,5 cm all'anno )
- della scarsa circolazione delle acque al suo interno
- dei continui apporti di materiali dai fiumi
- delle mareggiate
è un ambiente in continua evoluzione; per questo motivo, allo scopo di :
- preservare l'ambiente lagunare
-  migliorare la qualità delle acque (indispensabile per la miticultura) 
sono stati eseguiti e, sono ancora in corso importanti lavori idraulici.
Ho fatto questa premessa per dirvi 2 o 3 cose che ritengo dobbiate sapere :
- Nei giorni feriali lavorano sia i pescatori ( nei porti  di Goro e Gorino sono ormeggiate 2500 barche ) che gli operai dei  cantieri idraulici,  (draghe ) quindi c'è un notevole traffico di imbarcazioni pilotate da gente che "ha fretta"
- La qualità delle acque è notevolmente migliorata ( il 2 giugno l'acqua nella sacca era più trasparente di quella del Conero il 10 maggio ), ma, nei mesi estivi è possibile una fioritura delle alghe.
- Lo scanno di Goro ed il Taglio della Falce  fanno parte della riserva naturale dello Stato  " dune ed isole della sacca di Gorino " è vietato bivaccare ed accendere fuochi
- Le zanzare e le guardie del parco sono feroci e si nutrono del sangue dei turisti  ( prima di scendere sugli sanni o tra i canneti , guardatevi intorno , guardate dove mettete i piedi e cospargetevi di repellente per insetti )
Vi consiglio i visitare la sacca i giorni festivi in  primavera ed in autunno ( il sabato e la domenica nei mesi di Maggio e Giugno a Gorino c'e la sagra del Pesce )

Noi Domenica 2 giugno abbiamo fatto questo giro interamente all'interno della sacca :
Partenza : dallo scivolo del porto di Goro (attraversare il porto andando verso il mare , salire sull'arginello, girare a destra , lo scivolo è dietro il cantiere
usciti dal porto  siamo passati davanti alla Romanina,
costeggiando il lato sul mare del boscone della Mesola dopo la Goara siamo arrivati al Taglio della Falce
  • OK Prowler 15 - WS Tarpon 160 - Kaskazi Marlin -

Offline andreaformaggi

  • pescainkayak.com user
  • Post: 1.424
  • PESCATORE da ZUPPA
Re:UN PO DI TREKKING (un giorno nel Delta )
« Risposta #22 il: Giugno 04, 2013, 19:41:00 pm »
 :)
  • OK Prowler 15 - WS Tarpon 160 - Kaskazi Marlin -

Offline andreaformaggi

  • pescainkayak.com user
  • Post: 1.424
  • PESCATORE da ZUPPA
Re:UN PO DI TREKKING (un giorno nel Delta )
« Risposta #23 il: Giugno 04, 2013, 19:52:24 pm »
Attraversando i canneti abbiamo raggiunto il Po di Volano ,
siamo entrati nella Madonnina ed abbiamo raggiunto la Punta del Porto        ( circa 7 km dalla partenza )
da quì abbiamo attraversato la bocca della sacca raggiungendo la Punta dello Scannone (4 km)
  • OK Prowler 15 - WS Tarpon 160 - Kaskazi Marlin -

Offline andreaformaggi

  • pescainkayak.com user
  • Post: 1.424
  • PESCATORE da ZUPPA
Re:UN PO DI TREKKING (un giorno nel Delta )
« Risposta #24 il: Giugno 04, 2013, 20:22:10 pm »
l'idea era quella di pranzare lì ma, il posto era occupato da un gruppo di motoscafisti molto rumoroso,
non avendo voglia di condividere la spiaggia  con nessuno,
 ci siamo spostati alla punta del vecchio scanno,
abbiamo mangiato disturbati  solamente dalle grida di una coppia di Beccaccie di mare che pensavano fossimo lì per saccheggiare il loro nido (poi hanno capito)
dopo aver raccolto delle vongole per il pranzo di domani ,
 abbiamo proseguito la navigazione tra le isole ed i serragli puntando verso il faro
NOTA IMPORTANTE:
la sacca di goro è famosa oltre che per le sue bellezze naturalistiche per gli allevamenti  delle vongole,rigorosamente delimitati e sorvegliati.
La vongola però, essendo un animale indipendente fà un pò quello che gli pare ed odiando i confini se nè esce dalle aree date in concessione .
ED E' LI' ( e solo lì ) CHE NOI LE RACCOGLIAMO
Prima di partire controllate gli orari della marea ( la raccolta con la bassa marea è più agevole)
procuratevi un rastrellino ( le vongole vivono sotto la sabbia 3-4 cm )
una retina ed un secchiello e BUON APPETITO
PS :ricordatevi di farle spurgare dalla sabbia in acqua salata ( la salinità media della sacca è il 2,3 %
  • OK Prowler 15 - WS Tarpon 160 - Kaskazi Marlin -

Offline andreaformaggi

  • pescainkayak.com user
  • Post: 1.424
  • PESCATORE da ZUPPA
Re:UN PO DI TREKKING (un giorno nel Delta )
« Risposta #25 il: Giugno 04, 2013, 20:25:20 pm »
 (Noi non l'abbiamo fatto ma, vi consiglio di raggiungere il faro seguendo le briccole del canale sub lagunare"canale del faro" )
 dopo aver raggiunto il faro (km 18,5 ) attraverso i canali ed i canneti della
  laguna di Gorino siamo arrivati  alla lanterna vecchia (km 24) ,
 poi percorrendo il canale che fiancheggia l'agine del Po di Goro abbiamo raggiunto Gorino e poi Goro (km 33 - 8 ore in totale )
  • OK Prowler 15 - WS Tarpon 160 - Kaskazi Marlin -

mariobios

  • Visitatore
Re:UN PO DI TREKKING (un giorno nel Delta )
« Risposta #26 il: Giugno 04, 2013, 22:05:41 pm »
Grazie ancora,Andrea...Bellissimo.
La 1a foto del tuo secondo reportage è "La casa del traghetto",al Taglio della Falce(quella con pontile e bilancia).
L'abbiamo restaurata io e Gil,era un rudere in rovina senza più tetto,disabitata da 39 anni..In mezzo ad un trionfo di Tamerici in fiore,compagni di vita per 9 anni...
Dentro dovrebbe esserci ancora una targa in bronzo,regalataci dagli amici,con scritto:"Casa del Traghetto,1821(?),restaurata da Mario e Gil,1995".
Mi fa piacere vedere che stia ancora bene,in forma,nonostante la subsidenza e la stupidità umana.

Ci hai fatto un bellissimo regalo. :smitten:

Offline andreaformaggi

  • pescainkayak.com user
  • Post: 1.424
  • PESCATORE da ZUPPA
Re:UN PO DI TREKKING (un giorno nel Delta )
« Risposta #27 il: Giugno 04, 2013, 22:13:39 pm »
Una nassa piena di granchi verdi
troppo tardi per le Moleche ( la muta dei granchi avviene due volte l'anno ma, il 90% delle catture avviene tra marzo ed aprile )
e troppo presto per le Masanete (femmine di granchio con le uova che vengono catturate in autunno )
sia gli uni che le altre fanno una fine tremenda:
fritti vivi oppure, attaccati sempre vivi all'amo come esca per i branzini.
Le Moleche e le Masanete oltre ad essere un presidio slow food sono una vera squisitezza: mia nonna le metteva rigorosamente vive in un recipiente con uovo sbattuto, un pò di pane grattugiato aromatizzato con aglio, prezzemolo e grana , i granchi affamati mangiavano quello
 che  sarebbe diventato il  loro ripieno e noi mangiavamo loro  :D
Quando ero piccolo era un mangiare da poveretti ora costano dai 45 ai 90 euro al kg - 2/4 euro cadauno
  • OK Prowler 15 - WS Tarpon 160 - Kaskazi Marlin -

Offline andreaformaggi

  • pescainkayak.com user
  • Post: 1.424
  • PESCATORE da ZUPPA
Re:UN PO DI TREKKING (un giorno nel Delta )
« Risposta #28 il: Giugno 04, 2013, 22:33:07 pm »
cormorani, gabbiani comuni ( che a dispetto del nome non sono più così comuni ) che nidificano in valle,Beccaccini di Mare, Volpoche, Aironi ed un falco sono stati i nostri compagni di viaggio
  • OK Prowler 15 - WS Tarpon 160 - Kaskazi Marlin -

Offline andreaformaggi

  • pescainkayak.com user
  • Post: 1.424
  • PESCATORE da ZUPPA
Re:UN PO DI TREKKING (un giorno nel Delta )
« Risposta #29 il: Giugno 04, 2013, 22:37:04 pm »
.
  • OK Prowler 15 - WS Tarpon 160 - Kaskazi Marlin -

Offline andreaformaggi

  • pescainkayak.com user
  • Post: 1.424
  • PESCATORE da ZUPPA
Re:UN PO DI TREKKING (un giorno nel Delta )
« Risposta #30 il: Giugno 04, 2013, 22:39:29 pm »
ciao a tutti  e.... alla  prossima
  • OK Prowler 15 - WS Tarpon 160 - Kaskazi Marlin -

Offline andreaformaggi

  • pescainkayak.com user
  • Post: 1.424
  • PESCATORE da ZUPPA
Re:UN PO DI TREKKING (un giorno nel Delta )
« Risposta #31 il: Giugno 04, 2013, 22:59:51 pm »
Dimenticavo
la mappa del percorso
  • OK Prowler 15 - WS Tarpon 160 - Kaskazi Marlin -

Offline andreaformaggi

  • pescainkayak.com user
  • Post: 1.424
  • PESCATORE da ZUPPA
Re:UN PO DI TREKKING (un giorno nel Delta )
« Risposta #32 il: Giugno 04, 2013, 23:01:41 pm »
e .... gli spaghetti !!!!!!
  • OK Prowler 15 - WS Tarpon 160 - Kaskazi Marlin -

Offline andreaformaggi

  • pescainkayak.com user
  • Post: 1.424
  • PESCATORE da ZUPPA
Re: UN PO DI TREKKING (itinerari nel Delta)
« Risposta #33 il: Giugno 06, 2013, 09:46:35 am »
Appunto gastonomico:
gli spaghetti vanno cotti in padella con le vongole (è importante)
ciao a tutti  :)
ps:ho evidenziato alcuni punti della descrizione dei percorsi per cercare di renderli più chiari
  • OK Prowler 15 - WS Tarpon 160 - Kaskazi Marlin -

Offline andreaformaggi

  • pescainkayak.com user
  • Post: 1.424
  • PESCATORE da ZUPPA
Re: UN PO DI TREKKING (itinerari nel Delta)
« Risposta #34 il: Luglio 09, 2013, 01:37:28 am »
                                                        MANCA SEMPRE QUALCUNO !
                                                     ( un Pic-Nic allo Scanno del Palo )

Lo Scanno del Palo ( a me piace chiamarlo così anche se è ormai per tutti la "spiaggia di Boccasette" )è un un ambiente naturale formato da un'insieme di dune sabbiose , isole e stagni
posti tra la foce del po di Maistra e la bocca nord della laguna di  Barbamarco.
Per raggiungere questo estremo luogo del Delta bisogna , partendo dalla statale Romea :
 raggiungere l'isola di Cà Venier (percorrendo la SP37 da Contarina o da Porto Tolle) , una volta raggiunta  l'isola ,
  si prosegue per Boccasette e da quì , seguire tutta  la strada che corre sugli argini delle valli da pesca  fino alla fine  dove si trova un parcheggio
(a pagamento nei mesi  estivi), pacheggiata l'auto bisogna percorre a piedi il ponticello di legno che attraversa il retroscanno e si è arrivati a destinazione:
  dalla Romea 35 km in auto ed un ceninaio di metri a piedi ;
questo è quello che normalmente fanno tutti quelli che vanno a passare le domeniche estive in spiaggia a Boccasette

Noi  ( Io , Claudio ed il Biondo ),approfittando del fatto  che eravamo in compagnia di mogli e figli  ci siamo fatti scaricare  a Cà Venier (nei pressi dello scivolo) ed abbiamo raggiunto la spiaggia discendendo il Po di Maistra in kayak

Questo ramo del Po , un tempo selvaggio,  mantiene anche oggi parte del  suo  antico fascino         ( sopratutto nei rami morti e nelle valli laterali ) , in quanto essendo situato in una delle zone più povere del Delta è tra quelli che che ha risentito meno degli interventi legati agli interessi dell'uomo;

Il comodissimo scivolo in terra battuta di Cà Venier  è situato sul Po Grande  a circa 100 mt dal ponte in ferro della SP37 che attraversa il ramo di Maistra       ( si scaricano le canoe a 10mt dall'acqua e si può lasciare l'auto parcheggiata )

Alle 9:30 siamo saliti sui kayak , risalendo  il corso principale del fiume per circa 500 mt  fino all' incile .
 Una volta nel Po di Maistra costeggiando la riva sinistra , poco prima del ponte  troviamo l'ingresso della golena di Cà Pisani :) penetriamo al suo interno esplorandola ( fate attenzione alla corrente di marea che può essere anche forte e portarvi a sbattere contro i numerosi alberi abbattuti che ostruiscono parzialmente i  passaggi ) ;)
Ritornati nell'alveo principale cominciamo a discenderlo senza fretta visitando le vallette interne che sono ancora ambienti di incomparabile bellezza e suggestione,
- il fiume non offre tanti punti di riferimento, (ma non esiste la possibilità di perdersi )
-Dopo 3 km troviamo la prima deviazione , (noi abbiamo seguito il ramo di destra )  che si ricongiunge al ramo principale dopo altri 3 km
-al km 8,4 troviamo a destra un piccolo paradelo che conduce ad una idrovora
-al km 9,2 troviamo un'altra isola boschina che separa in due rami il fiume , noi siamo strati sempre a destra tra i canneti del ramo minore  :),
 -dopo circa 1,5 km dalla biforcazione siamo scesi a terra  per  vedere il "lago di Ferro" ( dal nome di un vecchio proprietario) e la colonia di aironi che lo popola :o
-al km 11,6 i due rami si ricongiungono novamente ,
-seguendo le anse del corso prinipale , passando sotto il ponte di barche  di Boccasette ,  rasentando  i canneti  della riva destra con la speranza di trovare riparo dal forte vento, arriviamo alla foce ( km 18 dalla partenza ),
se , come è capitato a noi il mare non vuole farvi passare
 ( come mi aveva preannunciato  telefonicamente mia moglie  che si trovava già in spiaggia il forte vento da Nord -Est  ha gonfiato il mare ed alla foce c'erano cavalloni  alti più di un metro
non è più possibile sbarcare direttamente dal fiume sullo scanno a causa dell' arginature in massi  >:( eseguita  per migliorare il deflusso delle acque ed evitare l'insabbiamento della foce,)
 -voltatevi a destra, qualche decina di metri dietro di voi  noterete un palo  e uno scivolo dismesso ( Porto  Palo) che segnano l'inizio di un paradelo( un tempo insabbiato,  il cui fondo è stato recentemente scavato per migliorare il ricambio delle  acque della laguna di Barbamarco  e nelle valli di pesca .....e per dimostrarmi che  non tutti i lavori di regimazione idraulica vengono fatti per nuocere ai canoisti  :)),
-imboccatelo e cominciate a risalirlo
Guardando rigorosamente verso il mare , (per non vedere gli orribili lavori di rinforzo dell'argine di prima difesa dal mare  >:( ), osserviamo con attenzone  il retroscanno , zona di nidificazione di numerosi uccelli marini, cercando di riconoscere il maggior numero possibile :o
-dopo circa 1 km tra canne e isolotti siamo arrivati al ponte pedonale che collega  la terraferma allo scanno,  Nicoletta mi stà indicando un comodo punto di  sbarco ai piedi del ponte, tiriamo a secco e carichiamo in fretta i kayak sull'auto ; in spiaggia le nostre famiglie  ci aspettano per il pic-nic sono  sono 13:30  e tutti abbiamo fame
Dopo anni sono ritornato al Po di Maistra , rivisitando le spiaggie che frequentavo da ragazzo in compagnia di Nicoletta ,riavigando le acque delle mie prime avventure  in kayak ,
 i luoghi sono cambiati :
- sullo scanno oltre ai materiali portati dalle mareggiate o dalle alluvioni sono presenti tanti rifiuti, plastica sopratutto ,che non costerebbe tanto togliere >:(
- condivido e mi piace l'idea di scavare i canali per rendere più "vivace" la cicolazione delle acque nelle lagune e nelle valli da pesca utilizzando i sedimenti per riformare le barene ,
 non mi piacciono invece gli alti argini in sasso ed i manufatti regolatori di flusso
 però:
prima di giudicare i lavori di riassetto idraulico ( spesso brutti,  in alcuni casi orribili  )
occorre pensare che:
 quando la subsidenza investe le zone litoranee pone problemi drammatici , primo fra tutti quello della difesa del territori;
La subsidenza in questa zona del Delta , oltre all'indebolimento dei cordoni litoranei, (con la conseguente riduzione dell'uso turistico
e del valore ricreativo delle spiaggie ), causa l'abbassamento degli argini e la  riuzione del franco di sicurezza esponendo i bacini lagunari e gli abitati alla violenza del mare in tempesta e del fiume in piena
Per quel che mi riguarda è stata una bellissima gita , che vale sempre la pena di fare ( anche quando il mare è in burrasca ) nel l'ultimo ramo  ancora un Pò selvatico  :)
Ricordatevi sempre di contollare le tavole di marea , in queste zone  non vi mancherà mai la terra    ( fango ) sotto i piedi ,ma ,.....può sparirvi l'acqua sotto il kayak  ;)
Dopo pranzo ,mentre sonnecchiavo rumorosamente sotto l'ombrellone, ho pensato, (o sognato)
un giro che comprendesse  questo ramo del Po , ma anche il Po grande,  la zona di punta maistra , i  retroscanni  ecc..  :) ma  di questo ne parleremo  nella stagione delle prime nebbie , quando il freddo non è ancora pungente ed il Delta si riempie di uccelli .....
 
ciao e alla prossima ...... che non sarà nel delta
  • OK Prowler 15 - WS Tarpon 160 - Kaskazi Marlin -

Offline andreaformaggi

  • pescainkayak.com user
  • Post: 1.424
  • PESCATORE da ZUPPA
Re: UN PO DI TREKKING (itinerari nel Delta)
« Risposta #35 il: Luglio 09, 2013, 08:24:35 am »
in serata penso di riuscire a postare le fotografie .
  • OK Prowler 15 - WS Tarpon 160 - Kaskazi Marlin -

mariobios

  • Visitatore
Re: UN PO DI TREKKING (itinerari nel Delta)
« Risposta #36 il: Luglio 09, 2013, 15:09:42 pm »
Grazie Andrea,sempre bellissimi i tuoi resoconti nel Delta del Po...Unici! [///] [///]

Offline dre 70

  • User pescainkayak.com
  • *
  • Post: 31
    • modena
Re: UN PO DI TREKKING (itinerari nel Delta)
« Risposta #37 il: Luglio 09, 2013, 17:32:20 pm »
Grazie Andrea...
Se metti le foto capisco ancora meglio cosa mi sono perso!!
Per Ponza metto le mani avanti e, se vai, ti do la mia adesione.
ciao Andrea
  • scupper pro & prowler ultra 4.7

Offline andreaformaggi

  • pescainkayak.com user
  • Post: 1.424
  • PESCATORE da ZUPPA
Re: UN PO DI TREKKING (itinerari nel Delta)
« Risposta #38 il: Luglio 09, 2013, 18:40:27 pm »
lo scivolo di Cà Venier
il Po grande nei pressi dell'incile
  • OK Prowler 15 - WS Tarpon 160 - Kaskazi Marlin -

Offline andreaformaggi

  • pescainkayak.com user
  • Post: 1.424
  • PESCATORE da ZUPPA
Re: UN PO DI TREKKING (itinerari nel Delta)
« Risposta #39 il: Luglio 09, 2013, 18:47:01 pm »
L'ingresso alla golena di Cà Pisani
vecchi manifatti , guardate dove sono incastrati i tronchi , poco più di un mese fà l'acqua arrivava a sfiorare il pavimento della baracca
  • OK Prowler 15 - WS Tarpon 160 - Kaskazi Marlin -

 

Gadget


15 euro spedizione inclusa (italia)!
Scrivi qui!

* Link alle case

jQuery UI Menu - Categories