Autore Topic: AUTOCOSTRUZIONE INCHIKU  (Letto 54967 volte)

Offline alfredo

  • User pescainkayak.com
  • *
  • Post: 995
AUTOCOSTRUZIONE INCHIKU
« il: Novembre 28, 2009, 15:34:35 pm »
Da quando pesco con gli inchiku inizio ad avvertire l'esigenza di avere nella cassetta esche con determinate caratteristiche di peso e di forma, per cui mi è venuto in mente iniziare con l'autocostruzione.
Tutto sommato, per quanto riguarda gli inchiku, in giro non c'è una grossa scelta, quindi l'esigenza è anche dettata da un concreto fattore pratico.
Premetto che sono del tutto inesperto in materia, quindi partirò da zero.
E' da qualche giorno che mi sto documentando, in giro si trova molto sull'autocostruzione dei minnow, ma quasi niente sugli inchiku. Ad ogni modo sono riuscito a comprendere qual'è il procedimeto da adottare:
1- creare un modello in legno che funga da forma per creare lo stampo;
2- creare lo stampo;
3- colare il piombo nello stampo;
4- colorazione dell'artificiale.

Credo che per un novizio la parte più difficile sia la creazione del modello, ma c'è tempo per imparare...
Il procedimento che ho descritto l'ho "rubato" da questo 3d
http://spinning.forumcommunity.net/?t=28464901
non mi sembra una cosa impossibile.

Se qualcuno ha esperienze o notizie utili si faccia avanti.

Abito a Cosenza
Possiedo un Ocean Kayak Trident 13
Pesco in Calabria, Ionio e Tirreno cosentino

Offline Freddy P.

  • User pescainkayak.com
  • *
  • Post: 3.826
  • Formia - Bergamo
Re: AUTOCOSTRUZIONE INCHIKU
« Risposta #1 il: Novembre 28, 2009, 16:55:19 pm »
quello postato nel di Fabio (lo conosco anche su un'altro forum), è un buon inizio.

per il body consiglio il legno balsa;
per lo stampo "tassativamente" la gomma siliconica;
per la verniciatura e finitura, vernici trasparenti poliuretaniche e primer(ancorante) con cui trattano i bulbi delle barche a vele ( vedi le boero ;)) mentre per i colori in genere vai sui createx all'acqua e aereografo.

abbiamo realizzato (con il mio amico Alessandro Massari) artificiali da VJ per un'azienda che andranno (se dio vuole) in commercio.

come noti, il risultato non è stato male durante il test.
da sx Amebermax, Alefish e il sottoscritto , Giugno 2008  :surf:
scusate per l'immagine occultata dell'artificiale.

  • Stealth Pro Fisha 475

Offline alfredo

  • User pescainkayak.com
  • *
  • Post: 995
Re: AUTOCOSTRUZIONE INCHIKU
« Risposta #2 il: Novembre 28, 2009, 20:14:39 pm »
Citazione
  per il body consiglio il legno balsa;
   

Peché il legno balsa per il body?? pensavo si potesse usare qualsiasi legno visto che serve solo per dare la forma allo stampo..



Abito a Cosenza
Possiedo un Ocean Kayak Trident 13
Pesco in Calabria, Ionio e Tirreno cosentino

Offline Freddy P.

  • User pescainkayak.com
  • *
  • Post: 3.826
  • Formia - Bergamo
Re: AUTOCOSTRUZIONE INCHIKU
« Risposta #3 il: Novembre 28, 2009, 20:26:46 pm »
semplicemente perchè è un legno che riesci a lavorarlo e sagomarlo senza fatica  ;)
basta un cutter e carta vetro :idea:

dopo che hai eseguito il body, lo immergi nel turapori e rifinisci la superficie finchè scompaiono tutte le imperfezioni con la carta abrasiva.
  • Stealth Pro Fisha 475

Offline alfredo

  • User pescainkayak.com
  • *
  • Post: 995
Re: AUTOCOSTRUZIONE INCHIKU
« Risposta #4 il: Novembre 28, 2009, 20:32:32 pm »
ok grazie, spero solo di riuscire a trovarlo facilmente.

Cos'è il turapori??

Mi fai un piccolo elenco di quello che mi serve per fare il body, così lunedì vado a fare la spesa!!!

da quello che ho letto mi dovrebbe bastare una raspa per legno, un seghetto, un cutter e carta di vetro.

Abito a Cosenza
Possiedo un Ocean Kayak Trident 13
Pesco in Calabria, Ionio e Tirreno cosentino

Offline Freddy P.

  • User pescainkayak.com
  • *
  • Post: 3.826
  • Formia - Bergamo
Re: AUTOCOSTRUZIONE INCHIKU
« Risposta #5 il: Novembre 28, 2009, 21:34:02 pm »
il turapori è un fondo/impregnante che si da sul legno per chiudere appunto i pori/venature dello stesso. Lo puoi dare a pennello, immersione o a tampone.

in base alla porosità del legno, ti regoli quante mani passarci ( con 3 dovresti farcela).
tra una passata e l'altra, devi darci una leggera carteggiatura con un'abrasiva grana 280 (è sufficiente).

la balsa la trovi nei brico o centri di modellisimo in genere.

non occorre la raspa...è fin troppo morbida,fidati  ;)
  • Stealth Pro Fisha 475

Offline gardesano59

  • pescainkayak.com user
  • Post: 2.407
Re: AUTOCOSTRUZIONE INCHIKU
« Risposta #6 il: Novembre 29, 2009, 15:11:21 pm »
Mi intrometto,

sempre che la gomma siliconica che utilizzate per gli stampi "funzioni" a freddo, avete considerato la cera da scultura per fare le dime ?? E' molto più semplice e veloce da lavorare.

ciao
  • scupper pro
Pino
abito a Milano
quando posso pesco a Riva Trigoso

Offline Freddy P.

  • User pescainkayak.com
  • *
  • Post: 3.826
  • Formia - Bergamo
Re: AUTOCOSTRUZIONE INCHIKU
« Risposta #7 il: Novembre 29, 2009, 16:45:36 pm »
benvenuto Gardesano, è sempre un piacere condividere altre idee  :idea:

personalmente non conosco questo tipo di cera, ma si riesce ad realizzare uno stampo a due impronte bivalve? considera che il piombo ci va colato e deve riportare fedelmente il master prima realizzato.

con la gomma siliconica (esiste quella specifica per fusioni ) catalizza a freddo.
le impronte vengono eseguite in due fasi.
dopo che è avvenuto la completa catalizzazione, possiamo lavorarla/modificarla a ns. piacimento.

fino a colate di piombo (300gr.) non si riscontrano grossi problemi, lavorando nella massima sicurezza. Mascherina, occhialini e guanti sono d'obbligo, che va detto!  ;)
  • Stealth Pro Fisha 475

Offline gardesano59

  • pescainkayak.com user
  • Post: 2.407
Re: AUTOCOSTRUZIONE INCHIKU
« Risposta #8 il: Novembre 29, 2009, 17:55:24 pm »
Francamente non lo so, ho visto usare questa cera da mia figlia.
E' molto simile alla normale cera,  con il caldo delle mani e del lavoro si ammorbidisce, si lavora bene, poi a riposo si riindurisce. Resta comunque cera.
A mio parere dovrebbe andare bene per forme relativamente semplici come inciku ekabura e anche altro.  Si può rifinire bene e si puo tagliare a metà facilmente, al limite aiutandosi con il calore.

Se interessa quando torna mia figlia vedo se ne abbiamo a casa un pezzo e ti dico di più

Sempre per intromettermi, sul sito, ma non ricordo dove, c'è un interessante intervento sulla percezione di colori sott'acqua. Io ho qualche perplessità perchè i pesci potrebbero percepire altre cose dei colori, ma si sostiene che a profondità non eccessive tuti i colori "diventino" bianco, nero e grigi, e che le uniche cose che "saltano all'occhio" siano i contrasti tipo  striature.

Se fosse vero, per il pesce,  non vale la pena di sbattersi troppo per colorare,  sfumare, olografare.
 ecc.  Per il pescatore invece rimane essenziale ......... [sbel] [sbel]

ciao
  • scupper pro
Pino
abito a Milano
quando posso pesco a Riva Trigoso

Offline alfredo

  • User pescainkayak.com
  • *
  • Post: 995
Re: AUTOCOSTRUZIONE INCHIKU
« Risposta #9 il: Novembre 29, 2009, 18:18:24 pm »
Citazione
  Francamente non lo so, ho visto usare questa cera da mia figlia.
E' molto simile alla normale cera, con il caldo delle mani e del lavoro si ammorbidisce, si lavora bene, poi a riposo si riindurisce. Resta comunque cera. 

Cia gardesano, se la cera di cui parli si ammorbidisce con il solo calore delle mani pensa cosa succederebbe con il piombo fuso.

Ad ogni modo la mia prima forma credo che sarà di gesso, anche se non ho ancora iniziato a creare il body...quindi la strada è ancora lunga.
Abito a Cosenza
Possiedo un Ocean Kayak Trident 13
Pesco in Calabria, Ionio e Tirreno cosentino

Offline Freddy P.

  • User pescainkayak.com
  • *
  • Post: 3.826
  • Formia - Bergamo
Re: AUTOCOSTRUZIONE INCHIKU
« Risposta #10 il: Novembre 29, 2009, 18:31:07 pm »
beh, la cera non fa proprio al caso nostro!
Pensavo fosse un prodotto chiamato tale, che dopo la "modellazione" avesse delle proprietà ben diverse  :surf:

Alfredo, fai asciugare molto bene lo stampo realizzato in gesso, anche con un minimo di umido, può "esplodere" durante la colata del piombo, occhio  ;)

al limite dopo 48h. che ha tirato, lo fai finire di asciugare nel forno a 50c° per un'ora max 2.
cosi stai più tranquillo.
  • Stealth Pro Fisha 475

Offline alfredo

  • User pescainkayak.com
  • *
  • Post: 995
Re: AUTOCOSTRUZIONE INCHIKU
« Risposta #11 il: Novembre 29, 2009, 18:52:45 pm »
Ok grazie del consiglio freddy, avevo pensato di mettere lo stampo in forno anche prima di colarci il piombo per evitare che si solidifichi senza aver riempito lo stampo a causa del freddo. Comunque per colare il piombo ancora c'è tempo, adesso sto buttando giù qualche disegnino del body.

Per quanto riguarda la balsa sono andato in un centro brico ma non ne avevano, spero di riuscire a trovarla. Ho anche cercato in qualche negozio online di modellismo ma hanno fogli troppo sottili.
Abito a Cosenza
Possiedo un Ocean Kayak Trident 13
Pesco in Calabria, Ionio e Tirreno cosentino

Offline gardesano59

  • pescainkayak.com user
  • Post: 2.407
Re: AUTOCOSTRUZIONE INCHIKU
« Risposta #12 il: Novembre 29, 2009, 19:09:52 pm »
Nooooooo, ma la cera non è per farci lo stampo ma per costruire il "body" sul quale fare lo stampo
  • scupper pro
Pino
abito a Milano
quando posso pesco a Riva Trigoso

Offline matheolo

  • User pescainkayak.com
  • *
  • Post: 1.327
  • Brigata Jonica
Re: AUTOCOSTRUZIONE INCHIKU
« Risposta #13 il: Novembre 29, 2009, 22:37:24 pm »
ribadisco ancora una volta la felicità per la presenza di Mr Freddy sul sito! [///] [///]
ci voleva anche da noi una sezione dedicata all'autocostruzione, visto che prima o poi la carta, dopo diverse strisciate inizia a soffrire  ;D ;D ;D
io, mi stavo cimentando nel matrimonio tra un jig e un octopus, con 2 assist come testimoni.
per questo vi chiedo: avete pensato al "filo" da utilizzare? siete orientati sul trecciato, come gli inchiku in commercio? di che spessore? o cè un'alternativa?

mi raccomando, corrediamo la sezione con immagini degli aucostruiti e del work in progress :idea:
  • Stealth Profisha 525

Offline ri65

  • User pescainkayak.com
  • *
  • Post: 1.143
  • Genova
Re: AUTOCOSTRUZIONE INCHIKU
« Risposta #14 il: Novembre 30, 2009, 08:03:38 am »
Quest'estate Giange mi ha fatto vedere degli incicu autocostruiti veramente belli: chiedete a lui come ha fatto lo stampo.. credo abbia usato una specie di pongo!!
gli mando un mp :idea:
  • hobie adventure
Circolo Nautico Sturla

Offline idolo

  • User pescainkayak.com
  • *
  • Post: 4.079
    • Firenze
Re: AUTOCOSTRUZIONE INCHIKU
« Risposta #15 il: Novembre 30, 2009, 11:40:03 am »
ma perchè non lavorare il blocchetto di piombo direttamente, invece di fare uno stampo?
Se fate un blocchetto di piombo e poi lo lavorate dal pieno, forse fate prima...
Anche perchè il piombo quando lo fondete fa galleggiare tutte le impurità e le porcherie che ci sono dentro... E in fase di colata non si tolgono facilmente,cosa questa fattibile lavorandolo a freddo.
  • RK 500-1 - SCUPPER PRO TW - ADVENTURE & PA12 idolo sail kit
L'uomo si misura dal pesce !!!

Sono banditi i chiattoni dalla flotta idolo !

Offline gardesano59

  • pescainkayak.com user
  • Post: 2.407
Re: AUTOCOSTRUZIONE INCHIKU
« Risposta #16 il: Novembre 30, 2009, 14:04:59 pm »
E' troppo semplice ?? Ho visto che molti inchiku hanno forme molto simili ( qualcuno mi sembra addirittura identico ) a vari piombi da bolentino e da surf. Non converrebbe partire da quelli ? 
  • scupper pro
Pino
abito a Milano
quando posso pesco a Riva Trigoso

Offline macsberetta

  • User pescainkayak.com
  • *
  • Post: 125
Re: AUTOCOSTRUZIONE INCHIKU
« Risposta #17 il: Novembre 30, 2009, 14:30:15 pm »
per idolo ; secondo me si fa prima a fare il "modello " o "body " poi creare i 2 stampi ed effettuare la colata ; cio' ti dà alcuni enormi  vantaggi :
1)
innanzitutto una volta ottenuta l'impronta , di artificiali ne fai quanti ne vuoi in pochissimo tempo, dal momento che diamo per scontato che gli stampi non si rovinano dopo ogni colata ;
2)
se invece parti dal blocchetto di piombo agisci per via "sottrattiva " e se ti scappa la mano a togliere piombo , fatichi  poi ad aggiungerne dove ne hai tolto troppo; 
3)
il tipo di lavorazione è piu' " pulito " con la fusione , ihmo.
Non ho avuto il tempo di seguire tutta la discussione e i vari link postati , ma si potrebbero inglobare nella fusione di piombo degli anellini di filo inox che servono poi ad allacciare l'artificiale con amo , filo , ecc. ecc.  .
  • Hobie adventure
Macsberetta

Offline idolo

  • User pescainkayak.com
  • *
  • Post: 4.079
    • Firenze
Re: AUTOCOSTRUZIONE INCHIKU
« Risposta #18 il: Novembre 30, 2009, 15:46:03 pm »
va a finire che si va a spendere molto di più che comprarli...  Forse se se ne stampano 400... ma avete intenzione di incagliarne molti allora...  ;D  ;D
  • RK 500-1 - SCUPPER PRO TW - ADVENTURE & PA12 idolo sail kit
L'uomo si misura dal pesce !!!

Sono banditi i chiattoni dalla flotta idolo !

Offline matheolo

  • User pescainkayak.com
  • *
  • Post: 1.327
  • Brigata Jonica
Re: AUTOCOSTRUZIONE INCHIKU
« Risposta #19 il: Novembre 30, 2009, 15:57:47 pm »
E' troppo semplice ?? Ho visto che molti inchiku hanno forme molto simili ( qualcuno mi sembra addirittura identico ) a vari piombi da bolentino e da surf. Non converrebbe partire da quelli ? 

per il momento sto sperimentando l'utilizzo dei jig, però come dice gardesano, il secondo tentativo sarà basato sull'utilizzo dei piombi da casting.

mi ispirerò ad un'immagine trovata su un altro sito . l'idea di base è quella, con la successiva colorazione del piombo.
come dicevo prima però sono indeciso sul trecciato da utilizzare per legare gli assist, qualche consiglio?
  • Stealth Profisha 525

 

Gadget


15 euro spedizione inclusa (italia)!
Scrivi qui!

* Link alle case

jQuery UI Menu - Categories